Faccio il Benvenuto a Chiunque Entri nel Mio Blog.....

FACCIO IL BENVENUTO A CHIUNQUE ENTRA NEL MIO BLOG.....

Siete liberi di esprimenre le vostre opinioni.....


Non esitate a chiedere, criticare, commentare e quant'altro nel mio blog....


CLICCATE SUI LINK CHE PIU' VI INTERESSANO.....

BUONA LETTURA

martedì 3 maggio 2011

Come Fare La Pizza con il Lievito Naturale

In questo post vi spiego come facciamo noi la pizza con il lievito naturale (o pasta madre o pasta acida, è sempre la stessa cosa).........
Premetto che una volta arrivati alla giusta preparazione non ne farete più a meno........

Insieme a mia moglie abbiamo sperimentato due metodi di fare la pizza col lievito naturale, uno è il classico, quello che si trova in giro per il web e cioè 250 di lievito naturale per 1 Kg di farina mentre l'altro lo spiego più avanti.....

Metodo N° 1
Classico:



250 Gr di lievito naturale
1 Kg di Farina
100 Ml di olio (di semi rende la pizza più leggera)
1 Cucchiaio di Miele
20 Gr di sale

Si inizia a sciogliere il lievito in una scodella con un po di acqua, possono bastare 200 ml di acqua,è indifferente tanto poi se ne aggiungerà dell'altra per l'impasto, una volta sciolto il lievito aggiungiamo i 100 ml di olio ed 1 cucchiaio di miele, una volta mescolato tutto iniziamo ad aggiungere la farina impastando il tutto fino ad aver aggiunto 1/2 kg di farina, solo dopo, quindi alla fine, si aggiunge il sale all'impasto, cioè quando aggiungeremo l'ulitima parte di farina, non si aggiunge all'inizio perchè, se "troppo vicino al lievito", poi ne rallenta la lievitazione durante le ore di riposo dell'impasto...

Una volta messi tutti gli ingredienti, si impasta per bene per almeno 10/15 minuti, un trucchetto per ottenere un buon impasto è "sbattere" (nel vero senso della parola) la palla di pasta ottenuta, cioè prenderla con tutte e due le mani e sbatterla sul tavolo o spianatoia per diverse volte, non c'è un numero preciso di "sbattimenti" ma almeno una decina di volte è doveroso, e la si deve lanciare con forza sul piano d'appoggio, non delicatamente, anzi........

Questo trucchetto renderà migliore l'impasto, non tutti lo adoperano, ma è utilissimo per una buona riuscita di qualsiasi impasto si faccia, sia per la pizza che per il pane.........

Dopodichè, si prende una scodella molto capiente e la si unge di olio di semi, poi si mette all'interno l'impasto e si copre la scodella con un coperchio, poi si mette tutto in una stanza meno frequentata, o più tranquilla, e si avvolge completamente la scodella con un bel manto di lana o un piumino, il modo da non fare prendere freddo all'impasto, praticamente dev'essere cautelato da qualsiasi corrente d'aria, non deve avere sbalzi di temperatura, dopodichè si lascia riposare per 24 ore, a volte noi lo lasciamo anche più di 24 ore, ma non di meno, questo è importantissimo per una buona lievitazione, non ci sono sconti, se si anticipano le ore il risultato non sarà il massimo, purtroppo il lievito naturale ha bisogno di molte ore di lievitazione, ed è categorico, non si può fare a meno, noi le abbiamo provate tutte, dalle 4 ore in su, ma i risultati non erano mai soddisfacenti, solo al raggiungimento delle 24 ore  abbiamo ottenuto il massimo risultato, praticamente prepariamo l'impasto la sera prima ed a volte anche all'ora di pranzo, sempre del giorno precedente, per poi fare la pizza l'indomani sera, cioè il venerdì sera o a mezzogiorno per poi fare la pizza il sabato sera..........


Arrivato il momento di fare la pizza, si proccede in questo modo:

Prendete l'impasto che oramai è bello lievitato e si inizia a dividerlo per il numero di pizze che si vuole fare, poi  stendetelo (solitamente sulla carta forno) con le mani, senza l'utilizzo del mattarello (è importante),  creando uno strato nè troppo sottile nè troppo spesso, poi vi regolerete voi di volta in volta, a vostro piacimento o gusto, una volta stese tutte le pizze, lasciatele riposare per 5-10 minuti, poi le condite come meglio vi piacciono ed infornatele, ovviamente il forno dev'essere già arrivato a temperatura prima del momento di infornare le pizze, quindi va acceso prima e messo a 250°,  una volta cotte.....Buon Appetito (^_^)




Adesso passiamo al secondo metodo per fare la pizza, quello che secondo me e mia moglie è il migliore......

A differenza del primo metodo, il classico, in questo procedimento cambia solo l'utilizzo del lievito naturale, del resto è tutto uguale per la preparazione dell'impasto, mi spiego meglio:

Seguitemi passo passo:



Metodo N° 2
Personalizzato:


40 gr Lievito Naturale
100 ml Acqua
80 gr Farina



Versiamo i 40 gr di Lievito in Una Scodella







Aggiungiamo 100 ml di Acqua Ed Inizamo a Scioglierlo 


Ecco Come Si Presenta Una Volta Sciolto



Poi Si Aggiunge Poco Per Volta La Farina e Si Mescola



Aggiunta Tutta La Farina



Mescolato Per Bene Si Deve Presentare Così
 


Si Mette a  Riposare in un Vasetto per 6-10 ore



Eccolo Pronto dopo 10 ore

Quì Si Vede Bene Come Ha Fermentato






Passate 6-10 ore prendete il vasetto col lievito e procedete come spiegato nel metodo N° 1, quello classico, cioè:






1 Kg di Farina
100 Ml di olio (di semi rende la pizza più leggera)
1 Cucchiaio di Miele
20 Gr di sale
Ed il Lievito del Vasetto



Si inizia a sciogliere il lievito in una scodella con un po di acqua, in questo caso possono bastare 50-100 ml di acqua, è indifferente tanto poi se ne aggiungerà dell'altra per l'impasto, una volta sciolto il lievito aggiungiamo  100 ml di olio ed 1 cucchiaio di miele, una volta mescolato tutto iniziamo ad aggiungere la farina impastando il tutto fino ad aver aggiunto 1/2 kg di farina, solo dopo, quindi alla fine, si aggiunge il sale all'impasto, cioè quando aggiungeremo l'ulitima parte di farina, non si aggiunge all'inizio perchè, se "troppo vicino al lievito", poi ne rallenta la lievitazione durante le ore di riposo dell'impasto...

Una volta messi tutti gli ingredienti, si impasta per bene per almeno 10/15 minuti, un trucchetto per ottenere un buon impasto è "sbattere" (nel vero senso della parola) la palla di pasta ottenuta, cioè prenderla con tutte e due le mani e sbatterla sul tavolo o spianatoia per diverse volte, non c'è un numero preciso di "sbattimenti" ma almeno una decina di volte è doveroso, e la si deve lanciare con forza sul piano d'appoggio, non delicatamente, anzi........

Questo trucchetto renderà migliore l'impasto, non tutti lo adoperano, ma è utilissimo per una buona riuscita di qualsiasi impasto si faccia, sia per la pizza che per il pane.........

Dopodichè, si prende una scodella molto capiente e la si unge di olio di semi, poi si mette all'interno l'impasto e si copre la scodella con un coperchio, poi si mette tutto in una stanza meno frequentata, o più tranquilla, e si avvolge completamente la scodella con un bel manto di lana o un piumino, il modo da non fare prendere freddo all'impasto, praticamente dev'essere cautelato da qualsiasi corrente d'aria, non deve avere sbalzi di temperatura, dopodichè si lascia riposare per 24 ore, a volte noi lo lasciamo anche più di 24 ore, ma non di meno, questo è importantissimo per una buona lievitazione, non ci sono sconti, se si anticipano le ore il risultato non sarà il massimo, purtroppo il lievito naturale ha bisogno di molte ore di lievitazione, ed è categorico, non si può fare a meno, noi le abbiamo provate tutte, dalle 4 ore in su, ma i risultati non erano mai soddisfacenti, solo al raggiungimento delle 24 ore  abbiamo ottenuto il massimo risultato, praticamente prepariamo l'impasto la sera prima ed a volte anche all'ora di pranzo, sempre del giorno precedente, per poi fare la pizza l'indomani sera, cioè il venerdì sera o a mezzogiorno per poi fare la pizza il sabato sera..........

Ovviamente in questo metodo il lievito dev'essere preparato 6-10 ore prima dell'impasto......


Trascorse  le 24  ore di lievitazione potete fare la pizza..........

Buona Pizza (^_^)


Per qualsiasi domanda non esitate a chiedere, vi risponderemo il prima possibile.

2 commenti:

  1. Complimenti le tue spiegazioni sono esaurienti, inoltre mi piace il fatto che nomini spesso tua moglie! Ho fatto per la prima volta la pasta madre e dopo una settimana anche la tua pizza, è venuta bene solo leggermente poco cotta al centro (era una sola teglia).
    Adesso ti chiedo se per favore puoi dirmi se con lo stesso metodo posso fare anche del pane.
    (So che per la cottura mettere un pentolino nel forno per metà tempo).
    Mi puoi rispondere? Grazie Gabriella

    RispondiElimina
  2. Ciao Gabriella e ti chiedo scusa se non ti ho risposto fin'ora, "non ti avevo vista"........

    intanto ti ringrazio per i complimenti datomi, mia moglie è l'altra mia metà e di conseguenza condivido tutto con lei (^_^).......

    Certo, noi abbiamo anche fatto il pane sia con la pasta della pizza (qualche volta ne avanza un bel po di impasto,ed alla fine si forma un bel panetto e lo si inforna) ed altre volte lo facciamo col classico metodo col quale si fa il pane, ma sempre con una lunga lievitazione almeno di 24 ore.....




    RispondiElimina